spacer.png, 0 kB

   
 
 
     
spacer.png, 0 kB
Home arrow Rassegna Stampa arrow Bus turstici: una Cerentola che si fa regina
Bus turstici: una Cerentola che si fa regina PDF Stampa E-mail
giovedì 18 ottobre 2012


Alla Fiera IBE/TTG di Rimini la ricerca sul settore commissionata da Anav/Confindustria, con dati inattesi. Ne discutono venerdì mattina tecnici, esperti e politici. Biscotti (presidente Anav): “Grandi possibilità di sviluppo, ma troppi balzelli”.

Il turismo è per l'Italia intera una “azienda” di successo, che può rappresentare un volano per aiutare ad uscire dalla crisi. Ma quanto si conosce della filiera-turismo?

Anav/Confindustria, l'associazione delle aziende che si occupano di autotrasporto viaggiatori, ha voluto accendere i riflettori su uno degli aspetti chiave: chi porta i turisti in vacanza? O meglio: quanti turisti scelgono di viaggiare “on the road”, a bordo degli autobus? E quanto è radicata e ramificata la presenza delle aziende di noleggo di bus turistici?

L'indagine, commissionata al centro Hermes di Torino (Facoltà di Economia del Piemonte Orientale), ha fornito dati inattesi, raccontando un'Italia ancora poco conosciuta che predilige il viaggio di vacanza in bus a bordo di una “flotta” che complessivamente è di oltre trentamila mezzi e percorre ben oltre un miliardo di chilometri l'anno.

Di tutto questo discuteranno, alla presentazione della ricerca alla Fiera IBE/TTG di Rimini, venerdì 19 ottobre alle 10,30, i massimi esperti del settore in un confronto con i politici. Invitati Guido Improta (sottosegretario del ministero dei Trasporti), Vasco Errani (presidente della Conferenza delle Regioni), Graziano Delrio (presidente Anci), Enrico Finocchi (direttore generale del ministero dei Trasporti), Alfredo Peri (presidente di Federmobilità), Renzo Iorio (presidente di Federturismo), Jves Mannaerts (direttore FBAA).

“E' l'occasione – ha detto Nicola Biscotti, presidente Anav/Confindustria, che introdurrà i lavori – per fare il punto sulle reali opportunità di sviluppo di un settore cruciale, rilevante per l'intera economia nazionale, che oggi è invece penalizzato da una serie di balzelli che limitano le sue potenzialità, dai ticket d'ingresso alle città d'arte – che incidono pesantemente sui bilanci delle aziende – alla mancanza di sgravi sulle accise per il gasolio, come invece avviene per altri settori del trasporto”.

Roma, 18 Ottobre 2012

 

Per qualsiasi informazione:

tel.  +39 06 48.79.30.19 - 335 1419066 -  +39 06 48.21.204


www.anav.it

Indirizzo e-mail protetto dal bots spam , deve abilitare Javascript per vederlo   

 

 

 

 
< Prec.   Pros. >
 
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB